Animali

Test dell’acquario: come abbassare Ph e KH.

Molti appassionati di acquari sottovalutano l’importanza di una corretta impostazione dei livelli dell’acqua usata per i nostri amici pesci e l’utilizzo di test dell’acquario (e come abbassare livelli come PH e KH)

Se volete allevare Ramirezi, Betta (Pesci combattenti), Molly, ciclidi africani, Neon, Guppy, Corydoras etc etc vi dovete prima documentare su quali sono i livelli più corretti per il loro benessere.

Spesso si inizia utilizzando dei semplice test a strisce: questo è un metodo rapido, semplice ed immediato ma al tempo stesso piuttosto impreciso. Personalmente, se non volete sperimentare qualcosa di più preciso, vi consiglio il prodotto della TETRA.

Una alternativa molto valida e precisa sono i reagenti liquidi. Sono sicuramente più cari ma non vi pentirete per la maggiore precisione dei risultati. Tra i più validi ed economici che ho sperimentato vi posso suggerire i set Aquili o Sera

Un problema diffuso dopo i primi test sono solitamente i livelli di PH e KH. Personalmente ritengo che i metodi migiliori da segiure per una loro regolazione siano i metodi “natuarali”: evitate prodotti chimici i cui risultati sono alterni e poco affidabili.

PH: come abbassarlo? Una opzione potrebbe essere l’utilizzo di sistemi di Co2 (molto utili anche per la fertilizzazione delle piante) ma poco affidabili in presenza di livelli troppo bassi di Kh perchè potrebbero portare a sbalzi repentini dannosi per i pesci. Ecco allora venirci in aiuto le foglie di Catappa: ne bastano 2-3 per ogni 100 litri e qualche giorno di pazienza per vedere i primi risultati.

Altro prodotto naturale molto utile è la Torba che ci aiuterà ad abbassare sia il Kh che il PH con l’unica controindicazione di portare una naturale colorazione ambrata dell’acqua tipica dei biotipi sudamericani. La torba deve essere inserita nel filtro (partirei co quantità minime per poi salire poco alla volta: ogni acquario è diverso e non esistono formule standard!!).

Una alternativa per abbassare il kh possono essere cambi periodici di acqua i osmosi che però trovo essere più scomodi e con effetti meno “continuativi”

Back to top button
Close