SportTech

Monopattino elettrico: l’alternativa per muoversi in città.

Anche a colpa della paura per il Coronavirus, nelle grandi città come Milano si cercano sempre più alternative ai mezzi pubblici, spesso in ritardo e troppo pieni. Con le temperature che si alzano e le giornate che si allungano molti hanno tirato fuori dalle cantine le biciclette e si muovono con quelle. Se non la avete e volete acquistare un mezzo più veloce e portabile quello che fa per voi è sicuramente un monopattino elettrico.

Fino a poco tempo fa era vietato usarlo in città in quanto stavano finalizzando la normativa per regolarne l’uso e la velocità. Ora il decreto è stato pubblicato e i monopattini sono tornati a sfrecciare in città.

Il decreto Toninelli dice che monopattini elettrici, hoverboard, segway e monowheel potranno circolare in ambito urbano, previa delibera comunale, su aree pedonali, percorsi pedonali e ciclabili, piste ciclabili in sede propria e su corsia riservata, zone a 30 Km/h e strade con limite di velocità di 30 km/h. Questi mezzi di micromobilità dovranno essere dotati di segnalatore acustico e con un motore elettrico con potenza nominale massima non superiore ai 500watt; è inoltre indispensabile che i micro-veicoli siano dotati di illuminazione e se si circola su strada o su pista ciclabile ci sarà l’obbligo di avere il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità.  dispositivi in grado di sviluppare velocità superiori ai 20 km/h dovranno essere dotati di regolatore di velocità, mentre per poter essere utilizzati nelle aree urbane, attraverso il regolatore,  non potranno superare la velocità di 6 km/h. I veicoli potranno essere guidati esclusivamente da conducenti maggiorenni, a meno che il minore non sia in possesso della patente AM. È vietato il trasporto di altri passeggeri o di cose e ogni forma di traino.

Per quanto riguarda la città di Milano queste le regole: La circolazione dei  micro veicoli di mobilità elettrica viene consentita nelle aree pedonali purché la velocità del mezzo non superi i 6 chilometri orari, su piste e percorsi ciclabili e ciclopedonali e nelle Zone 30 con il limite di velocità di 20 chilometri orari. Vietate le strade con la pavimentazione in sassi di fiume e le corsie preferenziali, anche in Zone 30. Il decreto prevede che i dispositivi siano dotati di limitatore di velocità. Altre restrizioni riguardano le strade dove siano presenti le rotaie dei tram, a meno che esse non si trovino in una sede stradale separata, nelle aree di parcheggio a fondo cieco, nelle gallerie pedonali.

A Torino e Milano se volete usare un monopattino elettrico ma non siete sicuri dell’acquisto potete provare uno di quelli messi a disposizione dai servizi di sharing, come Helbiz a Milano.

Se invece avete deciso di acquistarlo tenete in considerazione 3 caratteristiche principali nella scelta: la batteria, il peso e le dimensioni totali del monopattino e la possibilità o meno di piegarlo; quest’ultima caratteristica è importante soprattutto se sappiamo che si dovrà portarlo sui mezzi pubblici o tenerlo in ufficio.

Quasi tutti i monopattini elettrici hanno la batteria a ioni di litio che è quella col miglior rapporto tra peso e potenza e tra il tempo che impiega a ricaricarsi e l’autonomia. In media la batteria dei monopattini va ricaricata per almeno 3 ore e circa ogni 20 chilometri.

Ecco alcuni modelli scelti da noi adatti all’uso in città e a norma con le caratteristiche richieste dal decreto.

Back to top button
Close