Tech

Quali sono le migliori app per videochiamare?

In queste settimane di quarantena e isolamento a causa del Coronavirus (o Covid-19) si sta riscoprendo sempre di più l’uso del telefono per restare in contatto con i propri cari e con gli amici che non si possono incontrare: messaggi, foto, telefonate, ma soprattutto videochiamate. Nonni che chiamano i nipoti, cugini che giocano insieme in video, amici che si danno appuntamento per aperitivi e cene virtuali; e ancora studenti che fanno i compiti insieme e insegnanti che riuniscono virtualmente le classi; e non dimentichiamo le conference call di lavoro che in questi giorni di smart working vengono usate quotidianamente sia in modalità audio che in video. Ma quali sono le migliori app per videochiamare? Come scegliere il servizio migliore in base alla telefonata che vogliamo fare?

Per le videochiamate con famigliari e amici le più comode sono Whatsapp dove abbiamo già tutti i contatti ma che può supportare un massimo di 4 persone per volta connesse; e Skype per i gruppi più numerosi. Per chi ha dispositivi Apple sicuramente la più usata per qualità sia video che audio è FaceTime. Se ci sono tanti amici connessi può essere comodo usare HouseParty che tiene fino a 10 persone in contemporanea. Se vuoi usare filtri buffi durante le telefonate puoi usare i servizi di Instagram e Messenger. Per le lezioni e i collegamenti di classe tra insegnanti e studenti una delle app che funziona meglio è Zoom. Infine per le riunioni di lavoro, le app per videochiamare più professionali sono sicuramente quelle di Google come Hangout e Microsoft Teams.

Vediamo però le caratteristiche principali delle più usate:

  • Skype

Skype è la migliore app di videochiamate per due persone o piccoli gruppi. Anche se si possono fare videochiamate fino a 50 partecipanti, non è consigliabile superare le 4-5 persone perchè l’audio poi fa fatica. Oltre alle videochiamate, si possono fare anche chiamate, chat di testo, condivisione di file. Comodo per chi la usa per lavoro è la condivisione dello schermo e la registrazione delle conversazioni per chi non è presente e vuole vedere la riunione in un secondo momento.

  • Whatsapp

Sicuramente tutti noi abbiamo già Whatsapp installato sul nostro telefono e questo lo rende la app per videochiamare più comoda da utilizzare. Ci sono solo due limiti di cui tenere conto: si possono fare video in contemporanea solo in 4 persone e si può usare solo da mobile.

  • Zoom

A detta di molti, Zoom è la migliore app per videochiamare e fare riunioni online. Esiste la app per smartphone, tablet e computer, ma si può usare il servizio anche direttamente da un browser. Offre diversi piani tariffari, tra cui il piano Basic che è totalmente gratuito e permette di fare videochiamate con un massimo di 100 partecipanti. Le videochiamate tra due persone hanno durata illimitata mentre quelle di gruppo si interrompono dopo 40 minuti, ma si possono far ripartire subito dopo. Zoom permette di fare videoconferenze e per questo in questi giorni è molto usato dai docenti che tengono lezioni a distanza.

  • Hangouts

Hangouts è la chat di Google integrata nelle caselle di Gmail e nel Calendar (creando un evento si può scegliere l’opzione “aggiungi conferenza” e in questo modo tutti gli invitati avranno un link diretto a Hangouts) e per questo è molto usata nelle aziende che usano la G Suite. Ma può essere usata anche da singoli account Gmail e possono essere invitati anche partecipanti senza account Gmail. Si può usare su pc, dispositivi mobile, tramite app o direttamente da browser: alcune funzioni, come la condivisione di schermo e l’uso della chat durante le videochiamate, sono attive solo per gli utenti che usano un computer. Facendo una videochiamata su Hangouts si possono invitare fino a 25 partecipanti, anche se ha una funzione che io trovo un pò fastidiosa, ossia far vedere a pieno schermo solo chi sta parlando invece che tutti i partecipanti contemporaneamente. Se volete utilizzarlo per una riunione di lavoro, meglio switchare a Hangouts Meet, una versione pensata apposta per le riunioni.

In occasione dell’emergenza coronavirus, Google ha reso disponibili ai clienti G Suite alcune funzioni avanzate di Google Meet che solitamente possono essere usate solo da clienti degli abbonamenti G Suite Enterprise e G Suite Enterprise for Education.

  • Houseparty

Houseparty ha delle funzioni un pò diverse dalle altre app; è pensata per momenti di svago e videochiamate con gli amici fino a un massimo di 10 partecipanti. Diversamente dalle altre più conosciute, permette di fare videochiamate aperte alle quali i contatti dei partecipanti che sono in linea possono aggiungersi anche senza invito. Quando uno dei nostri contatti entra in Houseparty ci arriva una notifica e viceversa, quindi possiamo decidere di entrare anche noi e avviare una videochiamata o partecipare a videochiamate aperte che vediamo già in corso. Si possono mandare messaggi privati e inviti a partecipare a giochi di gruppo a distanza.

  • Microsoft Teams

In occasione della chiusura delle scuole, Microsoft ha reso gratuita per sei mesi una versione gratuita di Office 365 E1 che include anche Microsoft Team, la sua piattaforma per chiamate e videochiamate. Di Microsoft Team esiste già una versione completamente gratuita, ma quella in offerta per i prossimi mesi avrà anche delle funzionalità in più che normalmente sono a pagamento tra cui un terabyte di spazio di archiviazione per ciascun utente, la possibilità di registrazione delle riunioni e tenere audioconferenze.

Qualsiasi app decidiate di usare, soprattutto se le usate per lavoro, ricordatevi di seguire qualche buona regola di educazione: anche se siete a casa rendetevi presentabili (almeno dalla vita in su!); non parlate sopra gli altri e non state troppo vicini alla telecamera (potrebbe risultare molto fastidioso); controllare per tempo prima della riunione di avere una buona connessione, cuffie e microfono funzionanti.

E voi cosa usate per tenervi in contatto con amici e colleghi?

Back to top button
Close