Sport

In montagna con i bambini: zaino o marsupio?

Questa estate finito il lockdown, e sperando che non ci siano nuove chiusure a causa del Coronavirus, molti andranno in vacanza in montagna dove il distanziamento è naturale e gli spazi non mancano. Nei paesi le case in affitto sono state prese d’assalto, i rifugi e gli impianti di risalita a fine giugno potranno riaprire, le montagne sono al loro massimo splendore. Per chi deciderà per la prima volta di approcciarsi alla montagna con i bambini diventa fondamentale scegliere il metodo più corretto per portare i bambini a passeggiare.

In molte località esistono passeggiate semplici che possono essere affrontate anche con il passeggino (meglio se uno con le ruote grandi e ammortizzate adatte alle strade sterrate) e si può quindi pensare di andarci anche con un neonato senza necessità di svegliarlo e spostarlo dalla comodità di una carrozzina o di un passeggino.

Per i bimbi più grandi e per i sentieri più stretti e ripidi la scelta a disposizione è tra il marsupio e lo zaino da trekking; la scelta può dipendere da molti fattori: peso ed età del bambino, lunghezza della passeggiata, comodità del “portatore”. Io personalmente preferisco un buon marsupio ergonomico perché lo trovo più comodo da portare; mio marito preferisce lo zaino. L’importante è scegliere il prodotto che dia il miglior supporto al bambino: per andare in montagna con i bambini è fondamentale scegliere la giusta attrezzatura, senza guardare troppo al risparmio, piuttosto cercate prodotti di seconda mano ma di buona qualità.

Come marsupio personalmente consiglio il Manduca, adatto fin da piccoli e porta fino a 20kg, comodo, leggero, lavabile e soprattutto ergonomico. A seconda dell’età del bambino e delle preferenze può essere portato in 3 posizioni: davanti (sempre pancia a pancia), di fianco e sulla schiena.

Se invece preferite uno zaino, il consiglio è di sceglierne uno prodotto da marchi specializzati nella produzione di zaini da escursionismo piuttosto che a quelli che producono articoli per l’infanzia. Lo zaino deve essere bene e facilmente regolabile, sia per adeguarsi alle caratteristiche del portatore, sia per la comodità e la stabilità del bimbo; deve avere un sistema che gli consenta di “stare in piedi da solo” in modo da poterselo mettere e togliere dalla schiena senza dover ogni volta estrarre il bimbo; deve avere ampie tasche per portare cambi e tutto il necessario; indispensabili la “capote” parasole e paravento per il bimbo (in alcuni modelli è fissa e regolabile, in altri può essere tolta e messa all’occorrenza) e la copertura per la pioggia; molto utile anche il cuscino reggitesta per il piccolo (lo si può comprare anche separatamente, ma alcuni modelli lo hanno già in dotazione).

Le marche più consigliate sono Deuter, Salewa, Thule… Come dicevamo meglio scegliere produttori di articoli da montagna.

E’ comunque sempre consigliabile, per una maggiore sicurezza e stabilità, utilizzare durante le passeggiate dei bastoncini da trekking.


Disclaimer: Kwankoo.com sceglie e raccomanda in maniera indipendente prodotti e servizi che si possono acquistare online. Con alcuni dei siti citati nei nostri articoli Kwankoo ha un’affiliazione ed ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Kwankoo.com riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.


Back to top button
Close